Banner di Iliochori - Iliochorion
Benvenuti a Iliochori il paese del sole situato nel cuore dell'Epiro a nord della Grecia. Un posto dove non si puo' perdere l'occasione di vederlo per nessun motivo!
Logo Facebook Logo Twitter Logo Youtube Logo Vimeo

 

 

LA STORIA DI ILIOCHORI:

Foto di Iliochori nel 1890
Foto di Iliochori nel 1890

DA DOBRINOVO - ILIOCHORI
Non è facile risalire all'origine del paese, da alcuni reperti storici sembra che nell'11º secolo a.C. si formarono delle piccole comunità isolate, nei luoghi di " Rascianà ", di "Lipochori", di "Koukourounzu" e "Souri" che in seguito, per motivi che si ignorano, molto probabilmente a causa di varie ragioni come la ricerca di una località ricca di acqua potabile, gli abitanti abbandonarono quel luogo e costruirono il paese nell'attuale "Dobrinovo" (Nome slavo del 14º secolo) che vuol dire Dovri + Novo (Buono + Nuovo), ora nell' attuale Iliochorion.
Non tutti gli abitanti però si trasferirono a Iliochori, alcuni si insediarono a Laista (il paese che dista 14 km) che in quel periodo si chiamava Lisinitza.
Durante il periodo dell' egemonia slava sull' Epiro, ( VI - VII secolo d.C.) il paese di Dobrinovo esiste già, come risulta da testimonianze slave.
Nel XIV secolo viene costruito il Monastero di Panaghia da monaci Cretesi. Nel 1431, come riferisce il "Vrisochorita" Nikolaos Exarhos nel suo libro " il Ndombrinovo" l'amministrazione turca conta 1180 abitanti nel registro di residenza del Comune. Ha continuato anche nei secoli successivi lo sviluppo sia come numero di abitanti sia come ricchezza. Si apprende, dalle testimonianze, dell' esistenza di un documento che conteneva una convenzione fatta con un medico del paese di Pades per l'assistenza medica .La convenzione che era per il periodo di un anno e stabiliva che il comune di Ndombrinovo avrebbe pagato lo stipendio al medico per offrire gratuitamente l'assistenza medica agli abitanti, i quali avrebbero pagato solo i farmaci. Il documento era stato firmato nel 1616 ed è stato distrutto con l'incendio del Comune dei Nazisti nel 1943.
Nel 1812 il Console Francese Pouqueville ha effettuato una visita nella regione e riferisce che nel paese di Ndombrinovo aveva trovato 750 abitanti. Dopo alcuni anni, precisamente nel 1815 a Ndombrinovo funziona in continuazione una scuola greca e per le lezioni veniva utilizzato il Monastero di Panaghia ed in seguito alcune case private.
Durante quell' anno avviene la prima grande distruzione della Comunità degli abitanti di Dombrinovo, a causa di una malattia la Peste bubbonica. Il paese piange numerose vittime e gli abitanti si rifugiano nelle montagne per sfuggire alla malattia.
Nel 1819 il Metropolita di Ioannina Gabriil visita le comunità sofferenti della malattia e nel paese incontra 160 abitanti. In una lettera di Ath. Psalidis in data 12-02-1823, indirizzata a Mavrokordatos, descrive la situazione dell' Epiro e della Tessaglia , sotto l' occupazione turca, prospettando una lotta armata per la liberazione. Riferisce del paese di Ndombrinovo dove abita gente capace di portare le armi.
Nel paese di Dobrinovo in quel periodo funziona la scuola comunale separata per i ragazzi e per le ragazze ( parthenagogio) e vengono costruiti, l'acquedotto che porta l'acqua al paese, ponti, aprono nuove strade. Gli abitanti di Ndombrinovo viaggiano molto e diventano commercianti ma non dimenticano mai il loro paese e contribuiscono al suo sviluppo.
Il giornale greco pubblicato a Kostantinupoli, parla di 1200 abitanti nel paese di Dobrinovo.
Per il paese purtroppo segue un periodo di decadenza economica! Prima le guerre dei Balcani 1912, poi la prima guerra mondiale, bloccano le attività di commercio che gli Iliochoriti avevano creato con i paesi come Bulgaria, Serbia, Montenegro, arrivando fino alla Russia. In seguito l'arrivo dell'influenza spagnola si abbatte su tutti i paesi come anche a Dobrinovo con numerose vittime.

Dal 1463 fino al 1912 Iliochori era sotto il dominio dei Turchi, i quali avevano concesso a tutti i paesi di Zagoria un'autonomia governativa ricompensata con il pagamento di imposte. Il paese ha raggiunto il massimo sviluppo tra il 1870 e il 1900. .
Dal 1916 la popolazione venne decimata dall'influenza cosi detta asiatica.
Gli abitanti di Iliochori vivevano di allevamento di pecore e di vacche, di agricoltura, coltivando grano, orzo e veccia. Dedicavano grandi cure anche alla viticultura, producendo un ottimo vino (Il nome del paese Dobrinovo deriva dal vino buono che si produceva). Ma erano anche dei commercianti, in primavera partivano in carovana con muli e cavalli, portando delle merci che vendevano soprattutto nei paesi dei Balcani, dove molti avevano costruito vere e proprie fortune economiche.
Rientravano a Iliochori a fine autunno per svernare con le proprie famiglie.
Nei mesi invernali i pastori si dedicavano all'artigianato, formando corporazioni di muratori e scultori in legno itineranti che viaggiando per i Balcani vendevano la loro merce.
Fino al 1914 a Iliochori c'era la scuola del telaio, situata sopra la strada dell'attuale comune, dove le ragazze imparavano a tessere.
L'edificio era di proprieta' della famiglia Gianussi che l'aveva donato al comune; oltre alla scuola di tessitura c'erano le scuole elementari, medie e superiori che si trovavano nello stesso edificio.
In queste scuole c'erano insegnanti femmine per le ragazze e insegnanti maschi per i ragazzi.
Nel 1912 questo edificio fu bruciato e nel 1924 inizio' la sua ricostruzione, terminata nel 1927; il primo maestro fu Papasisis.
Dopo il 1920 le case abitate erano 160.
Nel 1926-27 il paese cambiò nome da Dobrinovo gli fu assegnato Iliochori , che in greco vuol dire "Paese del Sole". La seconda guerra mondiale crea ancora più difficoltà ed il 18 ottobre del 1943 i tedeschi bruciarono le case del paese.
Nel 1943, durante la seconda guerra mondiale, creò ancora molte difficoltà ed il 18 ottobre di quell' anno i tedeschi arrivarono a Iliochori e bruciarono gran parte delle case del paese.

Nel 1944 un altro battaglione di tedeschi attraverso` il paese ma si limito' a perlustrarlo, senza danneggiarlo ulteriormente.
Seguì il periodo della Guerra civile e il paese subì grossi danni e fra il 1946 al 1949 molti abitanti si trovano emigrare verso i paesi del est , il paese non offre possibilità di lavoro e molti si trasferiscono alle zone di maggior coltivazione come la Tessaglia, la Macedonia,ecc...
Dal 1990 molti, originari del luogo, provenienti da varie parti, come Atene, Salonicco, Ioannina, Larissa e anche dall'Italia, hanno cominciato a ripopolare e rivalutare il paese, costruendo nuove abitazioni
In q'uesto periodo, stanno nascendo molte iniziative di recupero edilizio come il ristrutturazione e la valorizzazione della chiesa di Aghios Nikolaos. Sempre in questo periodo è nato un piccolo comitato per la creazione di attrazioni turistiche come le cascate di "Balta di Stringa", nella località Rascianà che attrae visitatori anche dalla Francia.
Dimitris Hatzis ha scritto un bellissimo libro chiamato "Double Book" e secondo l'autore gli Iliochoriti hanno scarpe grosse e cervello fino. Questa e' la nostra caratteristica antropologica di cui riferisce l'autore.

Chi avesse ulteriore materiale riguardante la storia, vecchie foto di Iliochori ecc puo' mandarle via posta elettronica al nostro Webmaster o alla nostra redazione Marketing.

 
Caming Soon
Iliochori - Dobrinovo: Ai confini del Mondo, dove il tempo sembra essersi fermato e dove osano le aquile, magia, cultura, musica, danze tradizionali, ritmo, curiosità, storia. Un incontro a uno degli ultimi paradisi ancora esistenti.
Spiti to Mellis in Iliochori
Spiti to Mitzos in Iliochori
Spiti to Tzoulakis in Iliochori
ILIOCHORI

Copyright © Iliochori 2002 - 2017
Powered By
Theodorosmellis.com